sabato 10 giugno 2017

Una casa disegnata coi sogni (gioia e acqua)



Titolo: una casa disegnata coi sogni

L’avevo costruita così come l’avevo sempre sognata: una casetta piccola, calda e accogliente! All’entrata un acchiappasogni per esser sicura rimanessero con me nelle oscure notti in tempesta. All’interno un piccolo salone rivestito di libri... e legno; un camino grande un'intera parete e un angolo cottura con teiere e tazze di metallo consumate dal lavoro del calcare e del tè. Vicina all’ingresso un’unica camera da letto spoglia, dove solo il sonno sapeva ritrovarsi e ascoltarsi. Poi la parte migliore: una grande finestra che dava accesso al mio amato giardino.
Avevo mantenuto in vita il piccolo laghetto che vi avevo trovato, perché l’acqua scura rallegra i miei pensieri. Intorno: fiori, tanti fiori, gigli, che non lasciano spazio a ripensamenti, rabbia e frustrazioni…Questa parte di casa era per me motivo di pace, motivo d’attesa, di gioia.
In una delle città più care del mondo avevo dovuto attendere anni per trovare la "mia casa con giardino": ma alla fine era arrivata! Da sola. Non perché io avessi trovato molti soldi, o guadagnato di più: no! Era arrivata perché avevo saputo aspettarla: con calma e pazienza.
Ero andata avanti ogni giorno sicura che ci saremmo incontrate: non bisogna correre verso le cose,  mi ero detta, perché si spaventano! Bisogna camminare verso di loro sicuri, ma lentamente, in modo da lasciargli il tempo di fidarsi.

Parole suggerite da Anna Chiariotti
Se anche tu hai voglia di inviarmi le tue 2 parole Clicca qui!

0 commenti :

Posta un commento