venerdì 10 marzo 2017

Parole: macchinine e anni



Titolo: al tempo trascorso mentre sognamo

Avanzando, incontrò sul sentiero una macchinina per bambini. Era rossa e ancora poco logorata dal tempo. Vi entrò lentamente e si accomodò sul sedile anteriore, ignaro della velocità che avrebbe potuto raggiungere e del movimento che quell’auto intrinsecamente possedeva nelle sue ruote.
Gli sembrò invece si trattasse di un luogo sicuro dove poter riposare e per questo si chiuse nel suo guscio e si addormentò.
Sognò molto: si vide a pochi anni d’età in compagnia dei genitori, e poi da adulto alla ricerca di prati  sempre più verdi…Sentì il suono del vento e il cigolio delle ruote, ma non si svegliò…
Quando si alzò il sole dormiva da tempo e lui si trovava in un luogo diverso, anche se non se ne accorse.
Uscì dall’auto e la osservò di nuovo. Poi, pur senza comprenderla, la ringraziò per il riposo concesso e si allontanò da quel bizzarro oggetto, alla sua inumana lentezza. …

...Chissà se conoscendone la velocità avrebbe preferito svegliarsi o se avrebbe solo voluto scendere e guardarla correre via…

Parole dedicate a Paolo Merola 
Se anche tu hai voglia di inviarmi le tue 2 parole Clicca qui!

0 commenti :

Posta un commento