martedì 14 febbraio 2017

Parole: dolore, sogno



Titolo: nessuno

Lo osservavo dormire vicino alle mie gambe, accoccolato ma in un modo diverso. Era elegante anche in questo suo, nostro, momento difficile. Mi stava lasciando, e io cercavo di prepararmi al dolore…ma come ci si prepara alla morte?  La si osserva arrivare da lontano vestita di bianco? Le si canta una canzone nell’attesa? O magari la si immagina solo come in un sogno
I suoi occhi erano stanchi e il suo corpo leggero, troppo leggero per la sua maestosità…Avrei voluto poter dire qualcosa, dare un senso a tutto questo, ma invece di trovare risposte vedevo solo domande, decisioni… quanto pesa una scelta? 
...
Come avrei voluto avere una stella al mio fianco in questo momento per poterle chiedere aiuto…ma il tempo passa, le cose cambiano e così le stelle…

Così mi stesi comoda nel letto e lasciai che le mie gambe sentissero la sua presenza. Decisi che avrei aspettato l’indomani mattina per salutarlo, quando il sole sorgendo ci avrebbe allontanato…Avrei aspettato l'indomani perché questo era ancora un nostro momento.


Parole suggerite da Luana Cinquina
Se hai voglia di inviarmi le tue 2 parole Clicca qui!

0 commenti :

Posta un commento