domenica 15 gennaio 2017

Parole: passione e storica



Titolo: Tiramisù

Il tiramisù era la mia passione: ogni compleanno, onomastico, natale, o qualsiasi altra festa, chiedevo a mia madre di prepararmene uno. La sua ricetta, da considerarsi “storica”, era unica: prevedeva l’utilizzo di biscotti secchi al posto dei savoiardi, altri segreti che non ricordo, e del caffè decaffeinato, in modo che potessi mangiarlo anche io, dolce sognatore, ma a quell'epoca ancora in giovane età…
Quando lei morì nascosi la sua ricetta nella cenere del camino, sapendo che lì nessuno l’avrebbe ricordata, e la dimenticai anch'io. Il tiramisù non lo mangiai più… fino all’età di quarantadue anni, ma quando lo feci non fu per colpa mia… 

Lei mi guardò con occhi imploranti e mi chiese di ordinarne una fetta (era la copertura di cacao che aveva attirato i suoi occhi, ne ero certo)…resistetti, mi opposi, e le ordinai un gelato al cioccolato, uno dei suoi preferiti. La madre non comprese la mia scelta…e io mi sentii solo per un momento, ma poi, quell’attimo passò. Quando fu il suo decimo compleanno però mi chiese proprio un tiramisù come torta, cogliendomi impreparato. Disse di averlo mangiato da un’amica e di adorarlo, proprio come me…così feci l'unica cosa che mi venne in mente…glielo preparai io, scoprendo, ovviamente, di ricordare la ricetta perfettamente: perché si sa, l'amore non si dimentica...anche quando si vorrebbe, per non sentire il dolore della sua mancanza...

Parole suggerite da Cesare Gigli
Se hai voglia di inviarmi le tue 2 parole Clicca qui!

0 commenti :

Posta un commento