lunedì 30 gennaio 2017

Parole: anima e calore



Titolo: il tocco

Eravamo seduti vicini, molto vicini, ma non ancora così vicini…
Sollevai un sopracciglio per dirgli che l’amavo, lui cambiò il ritmo del respiro per rispondere che mi amava. Il mio naso emozionato divenne di un altro colore e le mani, dapprima fredde, ritrovarono il loro calore
Il mignolo del mio piede si avvicinò silenzioso al suo, e il suono delle nostre palpebre che si chiudevano iniziò ad andare all’unisono…
Vidi la sua anima attraverso la pelle delle sue labbra e lui ascoltò la mia attraverso il suono delle mie parole. 
In una mattina senza stelle e di nuvole rosa osservammo vicini, molto vicini, ma non ancora così vicini, il tempo passare, l’acqua galleggiare sul mondo e le foglie volare lontane. Respirammo il vento invernale e cantammo la pioggia cadente. 
Quando un sole pallido uscì per salutare, ci prendemmo per mano e iniziammo a volare…

Parole suggerite da Fausta
Se hai voglia di inviarmi le tue 2 parole Clicca qui!

0 commenti :

Posta un commento