giovedì 1 dicembre 2016

Parole merce e rara

Titolo: Eirene (Eἰρήνη)

La trasportavano con gentilezza… sembrava così fragile, sottile, intoccabile, inafferrabile. Li vidi passare per le strade principali del paese…ma non ero solo io a vederli in realtà, li videro tutti: i bambini, i grandi, gli anziani, tutti, senza distinzione. Nessuno parlò, nessuno chiese, nessuno li fermò…tutti sapevano, ma non si mossero: nessuno necessitava conferma, perché la conferma era nella domanda e non si aveva bisogno di porla. 
I trasportatori passarono leggeri, vestiti da mercanti senza merce. La mostrarono a tutti, a tutti coloro credessero fosse una cosa rara, come me…ed erano ancora in molti…troppi su queste strade…ma anche su altre: ovunque. La vestirono di bianco, ma anche di arcobaleno, perché ognuno potesse osservarla nel modo a lui più vicino…
La osservammo da lontano e quando ci fu praticamente davanti, e fummo tutti pronti a chiudere gli occhi per iniziare a sognarla: lei ci guardò serena, sicura, forte e aspettò che iniziassimo a sentirla prima di abbandonarci alle nostre scelte. Una volta scomparsa bastò a tutti chiudere gli occhi per ricordarla: perché l’amore ed il rispetto non si riescono a dimenticare.
Quel giorno fu così: noi tutti vedemmo la pace e non la dimenticammo mai più.

Parole suggerite da Patrizio Zurru
Se hai voglia di inviarmi le tue due parole Clicca qui!

0 commenti :

Posta un commento