venerdì 23 dicembre 2016

Parole: giustizia, specismo




Titolo: nel sottobosco

“Prendimi, prendimi, prendiiiii meeeee!”
“Stà zitto per favore!”
“Non essere geloso tu…cosa posso farci se nessuno ti guarda marrone e triste come sei. In questo mondo c’è giustizia e tutti sono quindi attratti dai miei colori sgargianti…”
“Smettila! Lo sanno anche loro che sei velenoso… a volte ho il dubbio che potresti avvelenare anche me!”
“Invidioso!”
“La mia non è invidia, non sono razzista e non si tratta di specismo…è un fatto…Tutti quelli che ti colgono, dopo svengono…sai che bel risultato!”

“Prendimi, prendimi, prendiiiii meeeee!”
“Mi stai stonando! La vuoi smettere per favore? Il rosso del tuo cappello è già talmente abbagliante, che davvero non credo abbiano bisogno di sentire anche il tuo straziante lamento per avvicinarsi!”
”Ah, ah, ah spiritoso….Guarda, guarda! Si stanno avvicinando: eccoli. Stanno per prendermi…oooooooh. Oh! No! Che fanno?”
“Ah ah ah ah ah, te l’ho detto: lo sanno anche loro che sei velenoso come un serpente…però grazie, perché avvicinandosi a te, mi hanno finalmente trovato! Buona prossima attesa!”
“La prossima…ma non dimenticare che resti sempre e solo un porcino!”

“Non essere invidioso, l’invidia ti rende ancora più velenoso…”


Parole suggerite da Antonio Sobrio
Se hai voglia di inviarmi le tue 2 parole Clicca qui!

0 commenti :

Posta un commento