domenica 6 novembre 2016

Parole turchina e alto




Titolo: Passeggiando

Passeggiavo per strada una domenica mattina, ed incontrai per caso la fata turchina. Era seduta su un vecchio sgabello sgangherato, tra il venditore di hot-dog e quello dei biglietti gratta e vinci. Mi guardò non curante della mia espressione (molto sorpresa), e del mio passo svelto e disse: 
“Non correre e non aver paura, non ti trasformerò in un ranocchio, non più di quanto tu non lo sia già” disse insolente. 
La guardai innervosito e feci per girarmi dall’altra parte, ma lei continuò: “Ricordi quando da bambino ti dissi di guardare in basso, ma anche in alto mentre camminavi?” 
Mi bloccai un momento. Un ricordo di un vestito azzurro apparve nella mia mente. “Continua per favore” le dissi nel modo più gentile che trovai. 
“Sono passata a ricordartelo: quando cammini guarda bene dove metti i piedi, per non cadere, ma quando sei sicuro e ti senti stabile sul tuo percorso, e’ quello il momento in cui devi alzare lo sguardo e guardare più in alto. Smetti di osservare le tue scarpe, e’ tempo di vederle volare.” 
E cosi detto sparì. 
Io guardai in alto e vidi il cielo azzurro ed i miei sogni e ripresi ad andargli incontro.


Se anche tu hai voglia di inviare le tue due parole Clicca qui!.

0 commenti :

Posta un commento