domenica 20 novembre 2016

Parole: obsoleto ed evanescenti


Titolo: insieme


“Come se il concetto di amicizia potesse essere obsoleto. Che pensieri sono? Ci conosciamo da quando siamo nati, o giù di li. Il tempo è cresciuto con noi, e noi con lui, ma questo? Che modo è di trattarmi? I sentimenti non sono cose così, evanescenti, che passano senza sentirli o lasciano il fatto non disfatto. I sentimenti creano, spaccano, a volte scappano, ma comunque sono. Come puoi essere passato senza avermi sgualcito ancora e ancora con la tua presenza? Che modo è? Conosci il mio nome, il mio sogno, il mio silenzio. Conosci anche quello che io non conosco di me stesso. E allora? Dove sei scomparso, luce dei miei silenzi e parola delle mie immersioni? Hai detto che saresti venuto e saresti restato, ed io ti ho aspettato come si aspetta la gioia: e poi? Ho forse detto qualcosa di non condiviso? Ne sarei rammaricato perché ti amo tanto, come si amano le persone che percorrono le strade fianco a fianco: senza spostarsi, sfiorarsi, o rallentarsi. Non era ancora il momento per me, anche se lo era per te.” 

E con questi pensieri arrivai al tuo funerale, in quella chiesa, adornata di canzoni e fiori d’autunno. 

“Buon viaggio.”

Parole suggerite da Aldo Mello
Se anche hai voglia di inviarmi le tue due parole Clicca qui!.

0 commenti :

Posta un commento