lunedì 21 novembre 2016

Parole: autobus e alberi



Titolo: ha timbrato il biglietto?

Appena le porte si aprirono, salii rapidamente i due gradini, e andai a sedermi vicino al finestrino. Altri viandanti si distribuirono nei restanti posti vuoti. Notai alcuni colori, qualche accento, un paio di scarpe, degli occhiali ed un sorriso.
Il tempo fuori dal vetro era scuro, e gli alberi tremavano infreddoliti dall'inverno che era appena iniziato. La città si muoveva veloce e seguiva la mia immaginazione. Mi trasformai in un uomo anziano che attraversava sulle strisce pedonali, poi in una donna che camminava in compagnia del suo cane. Subito dopo divenni un bambino che inseguiva un pallone, ed un gatto che saltava su un muretto tentando di prendere una mosca. Passeggiai sulla riva del fiume, che stavamo costeggiando, annusando fiori e luci, poi pedalai più veloce che potetti sulla salita del cavalcavia, per non fermarmi con il fiato corto a metà strada.

Mi sentii triste, sereno, allegro, euforico. Fu un viaggio lungo quanto un'esperienza. 
Quando l'autobus si fermò alla mia fermata, scesi rapidamente, attento a non toccare gli altri viandanti. Una volta fuori, appena le porte si chiusero, mi mescolai alla strada e ripresi la mia vita.


Se anche hai voglia di inviarmi le tue due parole Clicca qui!.


0 commenti :

Posta un commento