mercoledì 12 ottobre 2016

Parole: silenzio e rumorose



Titolo: coraggio


Caro silenzio,

ti scrivo per ringraziarti della tua presenza nelle giornate rumorose. A volte sai essere cosi’ penetrante, quasi fastidioso, ma a volte cosi’ dolce. Ti colgo solo per attimi e ti accompagno solo per brevi tragitti, ma sei l’unico con cui possa ritrovarmi. 
I giorni qui sono tutti neri da tempo: qualcuno dice cosa fare e anche come farlo. Cerco spesso una via di fuga, una vana speranza di cambiamento. A volte mi ribello, a volte subisco. Non ho scelta e mi sembra di non volerla nemmeno piu’. Vivo in un’ accezione che in realta’ non esiste, ma tu…
tu come me non esisti, eppure ci sei. Sei nella mente di tutti, anche di quelli che si dimenticano di te. Tu sei assenza e presenza allo stesso tempo, proprio come me. 
Scusa se a volte disturbo con pianti o grida, ma se stessi in silenzio anche io non avremmo nulla da dirci, invece... qualcuno deve spezzare la voce per far sentire quello che non ci si immagina. Scusami quindi perche’ saro’ io oggi ad incrinare le tue ali, a bruciare il dolore ed a gridare cio’ che dev’essere curato. 


Posai la penna, presi il telefono e chiesi finalmente aiuto prima che lui ritornasse.



Se anche tu hai voglia di inviare le tue due parole Clicca qui!.


0 commenti :

Posta un commento