mercoledì 26 ottobre 2016

Parole: ragazza e silenziosa



Titolo: il suono del silenzio

Camminava sempre sola: nelle mattine d’estate cosi come nei tardi autunni invernali. Quelli che la incontravano spesso le sorridevano, forse per quell’aria da bambina che non l’aveva mai lasciata. Lei ricambiava i sorrisi, ma silenziosamente proseguiva, sola. Non aveva mai parlato da quando era nata: era passata dall’essere una bimba speciale, ad una ragazzina strana, ad un’adulta non frequentata, ma non le era mai importato. Non sentiva il bisogno delle parole, a differenza degli altri, lei amava il silenzio, osservare le foglie mosse dal vento e la nebbia coprire le immagini. 
In famiglia la chiamavano la ragazza silenziosa: a lei piaceva quel nome perche’ aveva visto troppe volte come le parole potessero spezzare sogni e speranze. Aveva imparato che ascoltare era una dote per pochi, ma parlare una per troppi ed il silenzio era l’unica cosa che riuscisse davvero a capire per vedere luoghi e persone e sentire canzoni e pensieri. 
In un giorno d’inverno pero' ebbe un malore, la portarono di corsa in ospedale. Le infermiere dissero in seguito che in una nottata di incubi avesse parlato… moltissimo. Aveva probabilmente detto tutte le parole conservate a lungo in una sola notte. 

Una volta sveglia pero’ aveva ripreso serena il suo silenzio ed i suoi sorrisi.


Se anche tu hai voglia di inviare le tue due parole Clicca qui!.

0 commenti :

Posta un commento