venerdì 19 agosto 2016

Parole: falena e maledizione



Titolo: invidia

"Guardala, è così colorata e bella: può godersi la luce del sole, e sa ravvivare i paesaggi…" 
"Mia cara, anche tu sei una farfalla", disse la mosca. 
"No, io sono una falena, è diverso. Probabilmente sono frutto di una maledizione: le mie ali sono scure, buie come la notte, ed e’ la luna a farmi da faro, non il sole. Non piaccio a nessuno: neanche mi riconoscono a causa del buio della notte." 
"Non dire così mia cara, che importa del colore delle ali se sai volare? E cosa importa del sole caldo e luminoso che affatica vista e battito, quando hai stelle e luna a guidarti? Tu puoi perderti nella magia dei sogni e vagare tra le lucciole." 
"Si, ma loro sono così belle…" 
"Sei bella anche tu sai? Solo da un’angolazione diversa. Ora va, esplora la notte, incontra gli elfi e parla ai gufi. Domattina racconta a una farfalla le tue scoperte e chiedile dettagli sulle sue, cerca forza nella differenza, non debolezza. 

"…A me piace osservare la luna sparire tra le nuvole e poi riapparire, ed amo il fresco della notte e la rugiada…"

Persa tra i miei pensieri non mi accorsi che la mosca era volata via lasciandomi sola, a parlare con me stessa di me stessa.

Parole gentilmente suggerite da Stefano Moratti
Se anche tu hai voglia di inviare le tue due parole Clicca qui!.


0 commenti :

Posta un commento