martedì 5 luglio 2016

Parole: roccia e frutta


Titolo: Nella frutta

Ero stanca, stanca come in quei giorni in cui non vuoi alzarti dal letto e sono già le tre, o quando il caffe è finito e devi ancora completare quel lavoro. Così aprii la finestra per vedere il cielo: sereno. Preparai una borsa con un po’ di frutta e mi misi in auto. Pensai e viaggiai e pensai. Sognai e guidai e sognai ancora un po’ perché’ i sogni disegnano la strada. Arrivai al mio angolo di paradiso, l’unico luogo dove so immaginarmi quando triste. Mi avvicinai alla grande roccia sul fondo della spiaggia. Era inverno: non c’era nessuno. Nessuno quel giorno si sentiva tanto stanco da dover uscire di scena un momento. “Meglio”, pensai ed i miei pensieri entrarono in acqua. Vidi una sirena e due delfini. Un gabbiano rideva dicendo: “Non ha freddo? E’ Gennaio!”. In effetti freddo lo faceva, ma i sogni avevano bisogno di risvegliarsi, era troppo che dormivano. Uscita dall’acqua la stanchezza era diminuita. Nulla era cambiato, ma avevo rallentato. Inutile correre quando non si è sicuri della direzione in cui si sta andando. Tornata a casa, dopo una doccia, stanca di una stanchezza pulita andai a letto felice di aver rubato tempo al tempo.

Parole gentilmente suggerite da Marisa Fino.
Se anche tu hai voglia di inviarmi le tue due parole Clicca qui!.

0 commenti :

Posta un commento