sabato 23 luglio 2016

Parole: buio e fagiolino


Titolo: Le prove

Scusate? Ahem! Per favore, non ci distraiamo! Abbiamo pochi giorni.
Rileggiamo di nuovo il copione. Partiremo con una scena di buio, poi la luce si accendera' su di te, Giuliana, stesa al suolo, rannicchiata come un fagiolino. Non ti muoverai fino all’inizio della musica ed alla parola “Vivo”. A questo punto ripeterai i tuoi passi come se nuotassi, ma, cosa più importante, ricorderai di non sollevare dal pavimento nemmeno una piccola parte del tuo corpo. 
Suvvia voi altri, non fate quelle facce! Lo so che proviamo questa scena per la quarta volta, ma nel teatro e’ cosi’ ci vogliono ripetizioni, la nostra e’ finzione trasformata in realta’ e la finzione per essere reale deve essere perfetta, non dimentichiamolo.
Dicevo…quando la luce, dopo una pausa, tornera’ su di te Giuliana, inizierai prima a gattonare e poi a camminare danzando… 
Qui tutto nasce con una nascita, e’ un momento importante: il punto di partenza. Siamo fortunati perche’ senza inizio che storia avremmo mai potuto pensare di raccontare? 
Ora, per favore, proviamola di nuovo e voi altri sedetevi pure tra gli spalti, avrete un’impressione piu’ veritiera. 
Spegnete le luci… ai vostri posti… uno, due, tre, in scena.

Parole gentilmente dedicate a Anna Fusco
Se anche tu hai voglia di inviare le tue due parole Clicca qui!.

0 commenti :

Posta un commento