lunedì 6 giugno 2016

Parole: Luce e gioia


Titolo: Sulla riva del fiume

Quella sera ero in giardino a rileggere per la terza volta uno dei miei libri preferiti: quello dove una lumaca, lentamente, scopre la propria unicità.
Si stava facendo buio ed ero sul punto di rientrare, quando vidi una luce dolce davanti ai miei occhi: una lucciola.
Non ne avevo mai viste così da vicino.
Decisi istintivamente di seguirla, senza accorgermi che stavo uscendo dal nostro giardino ed entrando nel bosco.
La lucciola non si allontanò, ne scappò via.
Sentii mia nonna chiamare: “Gioia, amore, dove sei?”. “Arrivo subito nonna” risposi. Irrazionalmente invece proseguii, fin quando il buio fu intenso e gli alberi iniziarono a proiettare ombre anguste. 
A quel punto ebbi paura e mi fermai. 
Fu un momento lungo quanto una vita. 
Troppo buio. 
Mille dubbi: se mi fossi persa, se non avessi ritrovato la strada? I pensieri, spaventati, divennero irrazionali. 
Mi voltai decisa a tornare verso casa, ma quella lucciola mi sfioro' il volto. 
Ripresi a seguirla titubante. 
Arrivammo così sulla riva di un fiume: tutto era calmo. Migliaia di lucciole si alzarono silenziosamente ed iniziarono a danzare tutto intorno. 
Le osservai a lungo. 

Tornando indietro riscoprii nuovi fiumi dietro ogni angolo. 
Ero diversa.

Parole gentilmente suggerite da Pia Borsa
Se anche tu hai voglia di inviarmi le tue due parole, Clicca qui!.

2 commenti :

  1. La "Luce" rende tutto nuovo...grazie Isabella, semplice e profondo

    RispondiElimina
  2. Grazie a te per le dolci parole e per aver colto il senso di questa storia :)

    RispondiElimina